Il vostro spazio

Un anno, tanti giorni, lunghi mesi,
sta per scadere per la nostra vita.
Un anno in cui si è compiuto un destino
d’amore e di dolore, antico seme
rimasto tanto tempo a maturare.

Ora la pianta svetta orgogliosa
forte sull’urto del vento che grida,
forte degli anni passati nel buio,
viva senza saperlo, nel segreto
dell’io profondo che guida la vita
nel ricordo di un bacio, ora compiuto.

Camillo Righini

 

Floriana Scalabrini «L’abete»

Innocente d’infinita compassione
dolcemente l’essere
guarda il mondo.
Ed ecco, ogni cosa è compiuta:
di qui inizia la vita, la vera vita
che, nascendo, ha voluto.
La ricerca è finita
e l’operare gioioso
fra gli uomini inizia.
L’essere riconosce se stesso
per compassione disceso sulla terra
da lontano.

Sgorga, mia Musa,
come acqua sorgiva
dalle segrete e verdi ombre dei monti;
come nota che dal cuore salga
della mia armonia
negli spazi celesti ad incontrare
la sinfonia dei cosmici preludi,
e là si fonda come in un concerto
negli angelici cori,
mai uditi dagli uomini che vivono
nella disarmonia stridente della terra.

Nel respiro congelato della terra
ti ho visto,
Signore di dolcezza e d’amore,
venuto a riscaldare la morte
il tuo corpo di luce.
Freddo il timore scioglieva
e onde felici di vita
ritmavano un canto silente.

Alda Gallerano