Sol invictus

Poesia

Sol invictus

Sol Invictus

Colmata dalla pioggia si fa specchio

la gora, vi fermentano i riflessi

del cielo, dove nuvole rincorrono

ali perdute oltre l’orizzonte,

esulta il fango al crisma della luce.

E viene il tempo che un occulto Sole

ferve e rimesta al grembo della Terra

umori e fuochi di vulcano, rompe

la prigione che invischia germi e semi,

spinge alla vita dal letargo il sogno

umano di un’eterea primavera,

che fu promessa e mai dimenticata.

Viene infine quel tempo, e il cuore esulta,

e la memoria si fa dolce al miele

del ricordo, si contano i trascorsi

giorni felici, e i molti che verranno

si sperano scaldati dall’invitto

Sole divino che risplende eterno:

con la sua voce dà cadenza al mondo,

compone l’armonia che lo sublima,

la stessa, cuore, per cui vivi e canti.

 

 

                                                                                 Fulvio Di Lieto